Fritz Haber: un Nobel scomodo (e dimenticato)

Mettiamo di seguito un link alla webpage di “The Why Factor”, programma radiofonico sulla Scienza di mamma BBC.

Vedrete, nella colonna di destra dedicata ai podcast, un elemento dal titolo “Nitrogen: Forgetting Fritz”.  Vi invitiamo ad ascoltarlo con attenzione, specie se il nome di Fritz Haber non vi è familiare.

Le Signorine.

BBC – Podcasts and Downloads – The Why Factor.

Pubblicato “L’attributo dell’intelligenza” + de Finetti a Imola

Carissimi e carissime,

eccoci a voi con qualche novità.

Visto che non ci capita spesso di rappresentare in teatro – la scienza non è facile da proporre agli organizzatori, anche se travestita in forme insolite … – segnaliamo prima di tutto la ripresa dell’ormai mitico (almeno per noi, visto che sono cinque anni che lo replichiamo …)Probabilmente de Finetti !, la narrazione dedicata al matematico e probabilista italiano Bruno de Finetti.

de Finetti teatro comunale imola l'aquila signorina

Grazie al solito, illuminato e coraggioso, Corrado Gambi saremo il prossimo 12 aprile – ore 21.00 – al Teatro Comunale di Dozza Imolese (Bologna) per una serata che permetterà a quanti non conoscono questo grande personaggio italiano (!!!) le sue idee sulla matematica, sull’economia, sulla società.  Che naturalmente godono in tutto il mondo anglosassone di vasta eco e applicazioni

E’ poi con immenso piacere che vi comunichiamo che sono usciti per Franco Angeli gli atti del Convegno di Bari “Alan Turing – L’indecidibilità della vita”, Franco-Angeli-2014---Alan-Turing-Indecidibilita-della-vitatenutosi nel 2012 a Bari e durante il quale abbiamo rappresentato il nostro “L’attributo dell’intelligenza”, la lettura-spettacolo dedicata al matematico britannico Alan Turing.  Il successo ottenuto dallo spettacolo ha spinto l’organizzatrice dell’incontro, la Professoressa Carla Petrocelli, a inserire il testo del nostro spettacolo tra i contributi da pubblicare.  Cosa che accade finalmente con l’uscita del volume, che raccoglie contributi di studiosi importanti come Gabriele Lolli, Luigi Borzacchini o Piergiorgio Odifreddi.  Solo per citare i più noti.

Da semplici attori fa un certo effetto vedere riconosciuto al proprio testo teatrale la dignità di  contributo scientifico rispetto ad una figura, come quella di Turing, che vanta più di ogni altra ammiratori, studiosi ed esperti e sulla quale così tanto si è scritto.

Siamo certi che i docenti e le docenti che ci hanno accolto con questo e con gli altri spettacoli di “Giganti Fragili” nei loro Istituti si rallegreranno per quello che è un indubbio riconoscimento allo sforzo organizzativo di chi, lontano come noi dai riflettori e per il puro amore della conoscenza, continua a darci la sua fiducia e a permetterci di raccontare la storia della scienza agli studenti.

Le Signorine

Intervista a Gabriele Argazzi sui tagli alla cultura in calce alla prima Conferenza Stampa del Coordinamento Gruppi Legge 13 Bologna

Gabriele Argazzi alla Conferenza Stampa del 13 febbraio sui tagli alla cultura a Bologna

La Provincia azzera la cultura – Radio Città Fujiko.

Nel podcast contenuto nel sopracitato articolo presente sul sito dell’emittente bolognese Radio Città Fujiko, potete ascoltare un’intervista rilasciata da Gabriele Argazzi a seguito della conferenza stampa del 13 febbraio 2014 in cui il Coordinamento Gruppi Legge 13 Bologna (un organismo nato nel 2010 e che riunisce una trentina di realtà culturali di rilievo regionale con sede nel capoluogo emiliano) si è per la prima volta presentato pubblicamente alla città.  Tema dell’incontro (nella foto sopra Gabriele Argazzi è insieme a Bruna Gambarelli di Laminarie e a Marco Tamarri, che del Coordinamento è il rappresentante per i rapporti istituzionali), sono stati i tagli al bilancio della cultura della Provincia di Bologna, che colpiscono noi de L’aquila Signorina, così come molte delle realtà del Coordinamento, ma anche la situazione di grave crisi nei rapporti fra realtà culturali professionali e istituzioni locali.  Soprattutto i Comuni (anche se vi fortunatamente alcune lodevoli eccezioni….)  A fronte di strumenti legislativi avanzati, come appunto la Legge Regionale 13, le realtà culturali faticano a portare avanti i progetti sul territorio perchè manca ormai da molti anni una visione unitaria e non localistica dello spettacolo dal vivo e della sua funzione di promozione e stimolo culturale in tutti gli ambiti (scuola, società, mondo del volontariato culturale).  Una visione che abbia attori chiari, un programma e dei progetti per tutto il territorio del capoluogo emiliano e una condivisione che superi l’apparteneza politica di Sindaci e Assessori comunali.  E di cui gli enti di governo territoriali (oggi le Provincie, domani la Città Metropolitana) sappiano farsi carico, richiamando chi ha troppa tendenza al “fai da te” culturale agli impegni presi.  Possibilmente essendo i primi a mantenerli !  Il Coordinamento Gruppi LR 13 è nato perchè su entrambi i piani, sia quello strettamente locale-comunale, sia quello di governo territoriale si registra rispetto alla cultura una latenza preoccupante, che si esprime nei tagli figli della spending review, ma anche nella mancanza di vere strategie per il futuro.  Alla rinascita di uno spirito autenticamente progressivo, che metta insieme il ‘nuovismo’ dei politici e la storia del territorio, il Coordinamento vuole dare il suo contributo e lottare perchè si affermi.

Buona lettura e buon ascolto anche a chi non vive a Bologna.

Le Signorine

Fritz Haber: un Nobel scomodo (come sempre quando c’è di mezzo l’etica …)

Pubblichiamo il post di un blogger statunitense relativo ad un Podcast (ancora disponibile; il link si trova all’interno dell’articolo di cui si indica sotto l’indirizzo) trasmesso dal programma  “Radiolab” e ancora presente sul sito relativo (insieme ai commenti degli ascoltatori).  Crediamo che in vista del dibattito sul rapporto fra scienziati e guerra che certamente si innescherà anche in Italia con il centenario della Grande Guerra, le riflessioni sull’etica che vi leggerete possano essere interessanti.

Le Signorine

Clara Immerwahr | The Fourth Policeman.